CHE COS’È DROPSY E COME LO FACCIO?

Quando coltivi un acquario, è probabile che ti imbatti in una varietà di malattie e condizioni dei pesci d’acquario d’acqua dolce, inclusa l’idropisia. Impara come trattare e prevenire queste malattie in modo da poter proteggere meglio i tuoi pesci. Quando si tratta di mantenere in salute i tuoi pesci d’acquario, ci sono molte malattie dei pesci d’acquario da cui devi stare in guardia. Non è raro che i nuovi proprietari di acquari vengano colti alla sprovvista da condizioni come l’idropisia perché possono apparire inaspettatamente. Prima di poter trattare il tuo pesce per l’idropisia, devi prima imparare che cos’è e cosa lo causa. Spesso erroneamente definita una malattia, l’idropisia è in realtà un’infezione batterica interna che fa gonfiare i corpi dei pesci d’acquario. Sebbene l’idropisia di per sé non sia tipicamente contagiosa, le condizioni che portano alla contrazione dell’idropisia possono avere effetti negativi su altri pesci nell’acquario se non vengono risolte rapidamente. In questo articolo imparerai le basi su cos’è l’idropisia, come può essere trattata e come prevenirla in primo luogo.

Sintomi di idropisia nei pesci

L’idropisia è una condizione che colpisce comunemente i pesci rossi e altri pesci d’acquario d’acqua dolce: i sintomi di questa condizione sono abbastanza facili da riconoscere perché coinvolgono il gonfiore della pancia o, in alcuni casi, dell’intero corpo del pesce. Oltre al gonfiore, alcune delle squame del tuo pesce potrebbero iniziare a sporgere dal suo corpo quasi fino al punto in cui sembra che possano scoppiare. È probabile che anche i pesci che hanno l’idropisia sperimentino cambiamenti comportamentali, diventando letargici, librandosi vicino alla parte superiore del fondo dell’acquario invece di nuotare intorno: i pesci affetti possono anche perdere l’appetito. Alcuni pesci possono persino avere gli occhi infossati o i loro occhi possono iniziare a gonfiarsi e gonfiarsi.

Cause di idropisia

Nella maggior parte dei casi, l’idropisia è il risultato di un’infezione batterica causata da batteri Aeromonas. Aeromonas è un batterio che si trova comunemente nella maggior parte degli acquari, ma infetta solo i pesci stressati a causa del sovraffollamento o della scarsa qualità dell’acqua. L’idropisia può colpire anche i pesci che hanno una scarsa funzionalità renale, una condizione che può provocare l’assorbimento di acqua nella cavità corporea che fa gonfiare lo stomaco del pesce. Sebbene l’idropisia non sia solitamente contagiosa, è una buona idea isolare i pesci malati da quelli sani in modo da poterli curare prima di riportarli nell’acquario di comunità.

Leggi anche  I 15 TIPI DI PESCE ROSSO PI POPOLARI

Metodi di trattamento

Se sospetti che uno o più pesci del tuo acquario soffrano di idropisia, segui questi passaggi per trattare la condizione: 1. Isola il pesce malato in una vasca ospedaliera. Per facilitare i cambi d’acqua, questo serbatoio dovrebbe essere tenuto scoperto ad eccezione di un filtro e di un riscaldatore, se necessario. La temperatura del serbatoio ospedaliero dovrebbe essere il più vicino possibile a quella del serbatoio originale. 2. Crea un bagno di sale aggiungendo non più di 2,5 cucchiaini di sale Epsom per ogni dieci litri d’acqua nel serbatoio dell’ospedale. Il solfato di magnesio nei sali di Epsom può aiutare a estrarre l’acqua in eccesso dal corpo del pesce che lo ha fatto gonfiare. 3. Dai da mangiare ai tuoi pesci cibo antibatterico per pesci. Puoi acquistare cibo per pesci antibatterico preparato o crearne uno tuo creando una miscela all’1% di cibo per pesci e un antibiotico come la cloromicetina o la tetraciclina. 4. Continua a nutrire i tuoi pesci con cibo per pesci antibiotico e monitora i loro progressi per 7-10 giorni. 5. Se dopo diversi giorni di trattamento non si notano miglioramenti, trattare l’acqua dell’acquario con Maracyn Two. Questo farmaco è efficace contro le infezioni batteriche e viene assorbito attraverso la pelle dei pesci. 6. Se, dopo dieci giorni di trattamento, il pesce non mostra segni di miglioramento o peggiora, è possibile che la causa dell’idropisia non sia batterica. Se gli antibiotici non funzionano e il bagno di sale è inefficace, potrebbe non esserci nient’altro che puoi fare per i tuoi pesci. Per scoprire altri trattamenti per l’idropisia puoi contattare il tuo negozio di animali locale e chiedere consiglio ai professionisti lì, ma l’idropisia è una malattia notoriamente difficile da curare e altri trattamenti possono essere altrettanto inefficaci.

Leggi anche  I migliori barbi per un grande acquario domestico

Come prevenire l’idropisia

Come per la maggior parte delle malattie dei pesci tropicali, il modo migliore per prevenire l’idropisia è mantenere una buona qualità dell’acqua nel tuo acquario rimanendo al passo con le attività di manutenzione ordinaria. Effettuare cambi d’acqua settimanali di routine nel tuo acquario; cambiando tra il 10% e il 20% del volume d’acqua del tuo acquario. Dovresti anche eseguire un cambio d’acqua maggiore del 25% del volume del serbatoio una volta al mese. È anche importante dare ai tuoi pesci abbastanza spazio nell’acquario: il sovraffollamento può causare stress e malattie. Evita anche di nutrire troppo i tuoi pesci perché il cibo per pesci non consumato che affonda sul fondo dell’acquario si decompone e può influire negativamente sulla qualità dell’acqua nell’acquario.

Lo stress nel pesce

Come hai già appreso, lo stress è un fattore chiave nello sviluppo dell’idropisia nei pesci. Sfortunatamente, i tuoi pesci non possono comunicare con te per farti sapere che qualcosa nell’acquario sta causando loro stress: sta a te imparare e identificare non solo le potenziali cause di stress per i tuoi pesci, ma anche i comportamenti che possono esibire come reazione a quello stress. Poiché lo stress gioca un ruolo importante nel fatto che i tuoi pesci si ammalino o meno quando sono esposti a un agente patogeno, è essenziale che tu impari tutto ciò che puoi al riguardo. Di seguito troverai un elenco di alcuni dei fattori più comuni che contribuiscono allo stress nei pesci d’acquario:

  • Cambiamenti improvvisi nei parametri dell’acqua (temperatura, pH, durezza dell’acqua, ecc.)
  • Condizioni sbagliate per un certo tipo di pesce (es: mantenere il pesce salmastro in acqua dolce)
  • Bullismo da parte di altri compagni di vasca (pizzicare le pinne, per esempio)
  • Lesioni legate al bullismo da parte di altri pesci
  • Presenza di malattie o parassiti in vasca
  • Scarsa qualità della dieta o cibo insufficiente
Leggi anche  MANGIATORI DI ALGHE PER SERBATOI D'ACQUA DOLCE

Di seguito troverai un elenco di sintomi comuni di stress nei pesci:

  • Letargia o ciondolamento sul fondo del serbatoio
  • Perdita di appetito
  • Cambiamenti nell’aspetto (colore, escrescenze, arrossamento, infiammazione)
  • Comportamento lampeggiante
  • Alette bloccate
  • Ansimando sulla superficie del serbatoio

Utilizzando le informazioni fornite sopra sui fattori di rischio per lo stress e sui sintomi dello stress nei pesci, dovresti avere un’idea migliore di come mantenere sani i tuoi pesci d’acqua dolce. Non è sempre facile diagnosticare i sintomi della malattia nei pesci, ma se i tuoi pesci si stressano sarà abbastanza ovvio. Non appena sospetti che i tuoi pesci stiano diventando stressati, devi fare tutto il necessario per rimediare alla situazione prima che si ammalino. Evitare lo stress nel serbatoio d’acqua dolce è la chiave per prevenire molte malattie dei pesci d’acquario, inclusa l’idropisia. Sfortunatamente, l’idropisia è una condizione spesso fatale nei pesci e può essere causata da molte cose diverse. La chiave per prevenire l’idropisia è mantenere il tuo acquario pulito e il più possibile privo di stress per i tuoi pesci. Se il tuo pesce dovesse contrarre l’idropisia, agisci il prima possibile per curare la malattia. Anche se agisci rapidamente, tuttavia, potrebbe non esserci nulla che tu possa fare per salvare i tuoi pesci. La cosa migliore che puoi fare è mantenere pulito il tuo acquario nella speranza di evitare che i tuoi pesci si ammalino del tutto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popular

More from author

Spotlight sul Wolf Cichlid

Il Wolf Cichlid è una specie grande e aggressiva ma crea un'opzione perfetta per un serbatoio di show. Continua a leggere per saperne...

Gli hobbyists dell’acquario aiutano a risparmiare 30 specie dall’estinzione

Il commercio di animali domestici ottiene un brutto rap per sfruttare gli animali selvatici ma a volte il contrario è vero. Gli hobbisti...

I sorprendenti benefici per la salute di un acquario domestico

in tempi stressanti, avere un acquario domestico potrebbe essere un vantaggio. Continua a leggere per conoscere i primi 6 benefici per la salute...

Acquario Pesce News: Bill ha introdotto per limitare la raccolta di pesci dell’acquario

L'industria dell'acquario dell'acqua salata prende milioni di pesci da oceani in tutto il mondo ogni anno. È stata introdotta una nuova fattura per...