MANTENIMENTO CORRETTO DEL PH IN UN ACQUARIO D’ACQUA DOLCE

Scopri il pH e come mantenerlo correttamente in un acquario d’acqua dolce. Quando si tratta di mantenere la qualità dell’acqua nel tuo acquario d’acqua dolce, il pH è un fattore significativo. Il pH dell’acqua del rubinetto potrebbe non essere l’ideale per il tipo di pesce nel tuo acquario, quindi devi imparare come testare il pH e modificarlo, se necessario. Se scopri che c’è una grande differenza tra il pH della tua acqua appena uscita dal rubinetto e il pH della tua acqua dopo 24-48 ore, il modo più semplice per fare i cambi d’acqua e non stressare i tuoi pesci è comprare un secchio o due, riempili d’acqua, aggiungi una pietra porosa a ciascuno e lascia riposare l’acqua per 24-48 ore. Il pH verrà quindi regolato al suo valore effettivo e potrai utilizzare l’acqua per il cambio dell’acqua.

Le basi del pH

Il pH dell’acqua viene misurato su una scala che va da 0 a 14. Si dice che un livello di pH di 7,0 sia neutro, mentre valori inferiori a 7,0 sono acidi e valori superiori a 7,0 sono alcalini. Il livello di pH di un’acqua corporea varia in base a una varietà di fattori tra cui la concentrazione chimica, la presenza di tracce di minerali, persino il tipo di substrato. Stando così le cose, diverse specie di pesci si adattano a diversi livelli di pH: il livello che funziona per un pesce potrebbe non funzionare per un’altra specie di pesce. Questo è il motivo per cui è incredibilmente importante che tu faccia qualche ricerca prima di aggiungere qualsiasi pesce al tuo acquario: devi essere sicuro di sapere quali livelli di pH richiedono e che le diverse specie nel tuo acquario siano compatibili in questo modo. Se non fornisci ai tuoi pesci il giusto livello di pH, potrebbero stressarsi e ammalarsi di conseguenza.

Come testare il pH dell’acqua del rubinetto

Molti hobbisti testano subito il pH dell’acqua del rubinetto. Tuttavia, questa non è una buona indicazione del tuo “vero” pH. Per misurare correttamente il pH dell’acqua del rubinetto, versa dell’acqua del rubinetto in un secchio e metti una pietra porosa nel secchio per agitare la superficie (per ossigenare l’acqua). Quindi lascia riposare questo secchio d’acqua per 24 ore. Dopo questo, prova l’acqua per il suo pH. È quindi una buona idea controllarlo dopo 48 ore per vedere se ci sono ulteriori modifiche. Questi valori misurati dopo 24-48 ore sono una misura accurata del “vero” pH dell’acqua del rubinetto. Quindi, perché devi lasciare l’acqua fuori per 24-48 ore? L’anidride carbonica nell’acqua fa abbassare il pH. Esponendo l’acqua del rubinetto all’aria e agitando la superficie, si provoca uno scambio di gas sulla superficie dell’acqua (l’ossigeno passa dall’aria all’acqua mentre l’anidride carbonica dall’acqua all’aria). Questo scambio riduce la quantità di anidride carbonica nell’acqua e fa aumentare il pH. Questo pH sarà quello effettivo che misurerai nel tuo acquario (supponendo che non ci siano altri oggetti/prodotti chimici nel serbatoio che influenzino il pH) poiché lo scambio di ossigeno/anidride carbonica avviene costantemente nel tuo acquario.

Leggi anche  Calza il tuo serbatoio con il pesce scolastico

In che modo il pH influisce su altri composti

Il pH dell’acqua del serbatoio ha un impatto su diversi aspetti della qualità dell’acqua e della chimica dell’acqua. Ad esempio, se il tuo pH scende al di sotto di 6,0, i batteri della nitrificazione che mantengono l’ammoniaca e i nitriti (composti tossici per i pesci) a zero ppm, inizieranno a morire. Ciò può causare il riciclo del tuo acquario e uccidere i tuoi pesci nel processo se non sono abbastanza resistenti. La tossicità dell’ammoniaca è anche in gran parte dettata dal pH. L’ammoniaca totale nel tuo acquario è una combinazione di ioni ammonio (NH4+) e ammoniaca (NH3). Il pH della tua acqua è il fattore principale nelle concentrazioni relative di questi due composti. Più ammoniaca (il più tossico dei due composti) sarà presente nell’acqua alcalina (pH superiore a 7,0) mentre più ioni ammonio (il meno tossico dei due composti) sarà presente nell’acqua acida (pH inferiore a 7,0). Pertanto, è necessario ricordare che quando si aumenta il pH, l’ammoniaca nell’acquario diventa più tossica per i pesci. È per questo che gli aggiustamenti del pH durante la fase di ciclo del tuo acquario non sono raccomandati. Una volta completato il ciclo, non dovrebbe comunque esserci ammoniaca nel serbatoio.

La relazione tra pH e kH

Un livello di kH è una misura della durezza carbonatica della tua acqua. In altre parole, misura la concentrazione di ioni carbonato e bicarbonato nel tuo acquario. kH indica anche la capacità tampone dell’acqua, ovvero la capacità dell’acqua di neutralizzare gli acidi aggiunti senza modificare significativamente il pH. Pertanto, un kH più alto corrisponde a un pH più stabile nel tuo acquario e un kH più basso può corrispondere a grandi oscillazioni del pH. Generalmente, se il tuo kH è inferiore a 4,5 odH, devi monitorare attentamente il tuo pH per grandi cambiamenti. Dovrai anche essere più coerente nei cambi d’acqua poiché il basso kH farà sì che il pH nel tuo acquario diminuisca costantemente nel tempo. I frequenti cambi d’acqua sono il modo migliore per mantenere il pH a un livello appropriato.

Controlla il tuo kit di prova

Il modo migliore per tenere traccia del pH nel tuo acquario è acquistare e utilizzare un kit per il test dell’acquario. Puoi acquistare questi kit di test presso il tuo negozio di animali locale o ordinarli online. I kit di test sono disponibili in diverse forme: si utilizza una soluzione di test per cambiare il colore di un campione d’acqua in base alla caratteristica da testare. Un secondo tipo di kit di test prevede l’immersione di una striscia di carta reattiva in un campione d’acqua e il confronto del colore con un grafico incluso nel kit. Sfortunatamente, è facile abusare di un kit di test e ottenere una lettura errata. Questo può essere particolarmente frustrante in quanto potrebbe farti pensare che ci sia un problema di pH quando in realtà non lo è. Pertanto, se ottieni una lettura troppo bassa o troppo alta per i tuoi gusti, il primo passo è esaminare la tua metodologia di misurazione. La maggior parte dei kit di test ha una durata di conservazione (di solito 6 mesi). Se il tuo kit di test è più vecchio di questo, potrebbe fornire risultati imprecisi. Inoltre, assicurati di seguire esattamente le istruzioni. Ho sentito di persone che agitano una bottiglia per 30 secondi invece di un minuto e questo causa un errore nel test. Segui il test esattamente come è stato scritto. Se sei sicuro che il kit non sia scaduto e di aver seguito esattamente le istruzioni, puoi essere certo di ottenere una lettura accurata del pH. Come altro metodo di backup, puoi anche portare un campione dell’acqua del tuo acquario al tuo negozio di animali locale per farlo testare (spesso gratuitamente).

Leggi anche  COSTIPAZIONE/INDGESTIONE NEI PESCI D'ACQUARIO

Modi per aumentare il pH

Come affermato sopra, è generalmente un’idea migliore acclimatare i tuoi pesci al pH della tua acqua piuttosto che regolare l’acqua per adattarla alle preferenze di pH del tuo pesce. Tuttavia, ad alcune persone piace ancora abbinare l’ambiente naturale il più vicino possibile o avere un pH che è molto al di fuori dell’intervallo accettabile per la loro specie specifica. Se questo è il caso, ci sono diversi metodi che puoi usare per aumentare il livello di pH nel tuo acquario. ● Cambiamenti d’acqua – Nel tempo, il pH nel tuo acquario diminuirà. Il metodo più efficace per riportarlo al livello dell’acqua del rubinetto è semplicemente eseguire cambi d’acqua regolari. Se non fai regolarmente i cambi d’acqua, potresti aver bisogno di farne diversi più piccoli piuttosto che uno grande (ognuno separato da 24 ore) in modo da non scioccare i pesci facendoli passare immediatamente da un pH basso a uno alto . Passare l’aspirapolvere su tutto il cibo e i rifiuti non consumati aiuterà anche a contrastare la tendenza al calo del pH nel tempo. ● Rocce o substrato – Aggiungi un po’ di roccia o substrato all’acquario che ha l’effetto di aumentare il pH. Ad esempio, il corallo frantumato viene utilizzato come substrato in molti acquari di ciclidi africani (i ciclidi africani preferiscono un pH elevato). Anche calcare e corallo pietrificato andranno bene. Se non vuoi aggiungere queste rocce al tuo aquascaping, puoi aggiungere un sacchetto di corallo frantumato al filtro o nascondere alcune di queste rocce dietro le rocce che vuoi mostrare. Fai molta attenzione quando usi questo metodo, tuttavia, perché potrebbe aumentare il pH nella vasca oltre il livello appropriato. ● Aerazione – L’aumento della concentrazione di ossigeno nell’acqua servirà a ridurre la concentrazione di anidride carbonica. Come discusso sopra, meno anidride carbonica si traduce in un pH più elevato. Pertanto, è possibile aumentare l’aerazione nel serbatoio per aumentare il pH. Per informazioni sull’aerazione del tuo acquario, fai riferimento all’articolo intitolato Aerare correttamente il tuo acquario nella sezione articoli di questo sito web. ● Bicarbonato di sodio – L’aggiunta di bicarbonato di sodio aumenterà il pH, ma ricorda che dovrà essere aggiunto costantemente (non puoi aggiungerlo una volta sola e dimenticartene). Devi anche fare attenzione a non aggiungere troppo in una volta e causare un forte picco in quanto ciò potrebbe uccidere il tuo pesce. È meglio regolare gradualmente il pH se decidi che deve essere regolato. Una regola generale è 1 cucchiaino per 5 galloni. Sciogliere il bicarbonato di sodio in un po’ d’acqua prima di aggiungerlo al serbatoio. Ricorda anche che il rapporto di cui sopra di 1 cucchiaino per 5 galloni è solo una regola empirica. Per il tuo caso specifico, prendilo lentamente in modo da non scioccare o uccidere i tuoi pesci. ● Conchiglie – L’aggiunta di conchiglie al tuo acquario aumenterà il pH. ● Rimozione di tutto ciò che potrebbe abbassare il pH – Di seguito è riportato un elenco di modi per abbassare il pH nel tuo acquario. Studia questo elenco per vedere se stai accidentalmente utilizzando uno di questi metodi e di conseguenza ottieni un pH basso. Ad esempio, forse hai messo un pezzo di legno alla deriva nel tuo acquario senza renderti conto che abbasserebbe il pH. Se questo ti sta causando problemi, rimuovi il legno alla deriva. ● Sostanze chimiche – Ci sono diversi tamponi commerciali attualmente disponibili sul mercato. Tuttavia, questi non sono generalmente raccomandati in quanto possono portare a grandi picchi nel pH e di solito servono solo come soluzione temporanea. In generale, non manterranno il pH nel tuo acquario. Tuttavia, se hai provato tutto il resto e non funziona nulla, i buffer potrebbero fare il trucco.

Leggi anche  Mantenere gourami nani nel serbatoio d'acqua dolce

Modi per abbassare il pH

Abbassare il pH in un acquario d’acqua dolce è spesso più difficile che aumentarlo. Ci sono alcuni metodi che puoi provare però. ● Filtrare attraverso il muschio di torba – Filtrare attraverso il muschio di torba è il modo più efficace per abbassare il pH. Alcune persone usano anche la torba nel loro substrato per lo stesso effetto. ● Aggiungi anidride carbonica – Come abbiamo detto più volte, aumentando l’anidride carbonica nel serbatoio si abbassa il pH. Pertanto, pompare più anidride carbonica comporterebbe un pH più basso. ● Aggiungi legno: molti tipi di legni alla deriva abbasseranno il pH. Per saperne di più sull’uso del legno nel tuo acquario, leggi l’articolo su questo sito intitolato Aggiungere rocce e legno al tuo acquario d’acqua dolce. ● Prodotti chimici – Ci sono molti prodotti oggi sul mercato che abbasseranno il tuo pH. Tuttavia, proprio come le sostanze chimiche che aumentano il pH, questi composti che abbassano il pH non mantengono un pH stabile.

Conclusione

Sebbene i tuoi pesci d’acquario possano preferire un pH particolare nel loro ambiente nativo, è molto più importante avere un pH stabile che avere un valore specifico per il tuo pH. La regolazione del pH nel tuo acquario può essere pericoloso per i pesci poiché oscillazioni di appena 0,3 in un giorno possono essere mortali. Pertanto, a meno che tu non abbia una ragione specifica per farlo, è meglio acclimatare il pesce al pH dell’acqua del rubinetto piuttosto che regolare il pH per adattarlo alle preferenze del tuo pesce.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popular

More from author

Spotlight sul Wolf Cichlid

Il Wolf Cichlid è una specie grande e aggressiva ma crea un'opzione perfetta per un serbatoio di show. Continua a leggere per saperne...

Gli hobbyists dell’acquario aiutano a risparmiare 30 specie dall’estinzione

Il commercio di animali domestici ottiene un brutto rap per sfruttare gli animali selvatici ma a volte il contrario è vero. Gli hobbisti...

I sorprendenti benefici per la salute di un acquario domestico

in tempi stressanti, avere un acquario domestico potrebbe essere un vantaggio. Continua a leggere per conoscere i primi 6 benefici per la salute...

Acquario Pesce News: Bill ha introdotto per limitare la raccolta di pesci dell’acquario

L'industria dell'acquario dell'acqua salata prende milioni di pesci da oceani in tutto il mondo ogni anno. È stata introdotta una nuova fattura per...