SUGGERIMENTI PER IL RADICAMENTO, LA POTATURA E LA PROPAGAZIONE DI PIANTE VIVE DELL’ACQUARIO

Le piante vive possono trasformare completamente l’aspetto del tuo acquario. Continua a leggere per imparare alcuni semplici trucchi per radicare e ancorare piante vive, nonché alcuni suggerimenti per la potatura e la propagazione. Le piante vive possono trasformare completamente l’aspetto del tuo acquario. Per quanto realistiche possano sembrare alcune piante artificiali, nulla è paragonabile alla realtà. Inoltre, le piante vive hanno l’ulteriore vantaggio di produrre prezioso ossigeno per i tuoi pesci. Un acquario lussureggiante è uno spettacolo da vedere, ma ci vuole una discreta quantità di lavoro per arrivarci. Oltre a scegliere il giusto tipo di substrato per il tuo acquario piantumato, devi anche decidere dove vuoi mettere le tue piante e come tenerle lì. Alcuni pesci hanno un debole per sradicare le piante vive e altri fattori come la forte corrente possono rendere difficile mantenere le piante dove le vuoi. Continua a leggere per imparare alcuni semplici trucchi per radicare e ancorare piante vive, nonché alcuni suggerimenti per la potatura e la propagazione.

Comprendere i diversi tipi di piante d’acquario

Quando inizi a fare acquisti per la prima volta per piante da acquario vive, scoprirai che vengono vendute in diversi modi. Opzioni popolari come la spada amazzonica, le cripte, i crinum e l’erba per capelli sono generalmente vendute in piccoli vasi. Le piante rizomatose come l’anubias e la felce di Giava sono in genere vendute dal rizoma, noto anche come peduncolo o fusto sotterraneo da cui crescono radici e nodi fogliari. Altre piante come muschi e piante a stelo possono essere vendute a stelo o in mazzi. Ciascuno dei diversi tipi di piante da acquario vive deve essere trattato in modo diverso quando si tratta di metterle nel tuo acquario. Mentre le piante galleggianti galleggeranno sulla superficie del serbatoio e le palline di muschio rotoleranno sul fondo del serbatoio, le altre tue piante dovrebbero essere radicate o ancorate per tenerle dove vuoi. Questo è abbastanza facile da realizzare con le piante in vaso poiché puoi semplicemente metterle dove vuoi e poi coprire il vaso con il substrato per mascherarlo. Quando si tratta di piante rizomatose, muschi e piante a stelo, tuttavia, potrebbe essere necessario l’aiuto di una sorta di struttura a cui ancorare gli steli.

Leggi anche  LE ESIGENZE NUTRIZIONALI DEL PESCE D'ACQUA DOLCE

Semplici trucchi per ancorare piante vive

Se hai intenzione di coltivare un acquario fittamente piantumato, potresti prendere in considerazione l’idea di mettere una struttura sotto il substrato che copra l’intero fondo del serbatoio. Qualcosa come la rete da ricamo in plastica funziona bene perché non ostruisce il flusso d’acqua e sarai in grado di posizionare le piante dove preferisci. Per utilizzare questo tipo di ancoraggio, basta appoggiare la rete e quindi utilizzare il filo di cotone per legare i fasci di radici alla rete dove li desideri. Quindi, copri semplicemente l’intero serbatoio con il substrato scelto. Se non hai intenzione di piantare l’intero acquario, puoi usare pezzi più piccoli di rete da ricamo in plastica o puoi riutilizzare qualcosa che hai già a portata di mano come un coperchio di plastica Tupperware. Prendi il coperchio e fai una serie di fori per facilitare il flusso dell’acqua, quindi fai semplicemente scorrere il filo di cotone attraverso uno dei fori e attraverso un altro e ancora le tue piante in quel modo. Ancora una volta, puoi posizionare il coperchio dove vuoi nel serbatoio una volta che le tue piante sono state radicate e poi puoi coprirlo con il substrato. Un’altra opzione per ancorare le piante d’acquario è fissarle a un oggetto mobile del serbatoio come una roccia o un pezzo di legno galleggiante. Se vuoi usare le rocce, assicurati di scegliere qualcosa che non cambi la chimica dell’acqua nel tuo acquario: le rocce lisce del fiume sono generalmente le migliori, assicurati solo di pulirle bene prima di usarle. Puoi acquistare legni da acquario per uso in acquario nel tuo negozio di animali locale, oppure puoi crearne uno tu stesso. Quando crei il tuo legno galleggiante, dovrai prima curarlo per rimuovere i tannini. Dopodiché, usa semplicemente lo stesso filo di cotone per legare le piccole piante al legno galleggiante e posizionarlo nel tuo acquario.

Potatura e potatura di piante vive

Se le condizioni nel tuo acquario sono favorevoli e le tue piante sono adeguatamente radicate in un substrato ricco di sostanze nutritive, cresceranno rapidamente. Alcune piante crescono più velocemente di altre, ma a un certo punto ti troverai di fronte al compito di potare le tue piante. Mentre alcune piante possono essere potate ovunque senza influire sulla crescita della pianta, altre devono essere potate in un modo specifico altrimenti la pianta marcirà. Quindi, come fai a sapere come potare le tue piante? Dipende da che tipo sono: ecco alcuni suggerimenti generali:

  • Piante a stelo – Queste piante dovranno essere potate più spesso di qualsiasi altra pianta da acquario, quindi dovresti sapere come farlo correttamente. Puoi potare le piante a stelo tagliando i due pollici superiori, purché non superi il 50% della lunghezza esistente della pianta. Per propagare, posiziona i gambi tagliati in un pollice di substrato, quindi riposizionali una volta che hanno sviluppato le radici.
  • Piante in vaso – La maggior parte delle piante in vaso come le cripte e le piante di spada amazzonica richiedono pochissima manutenzione perché tendono a crescere più lentamente delle piante a stelo. Se la pianta diventa troppo spessa, taglia semplicemente alcune foglie alla base delle radici – dovresti farlo anche di tanto in tanto con foglie gialle o morenti. Se la pianta sta diventando troppo alta, rimuovi le foglie più alte e lascia crescere le foglie giovani – non tagliare le foglie direttamente perché può stressare la pianta.
  • Muschi – Molte specie di muschio sono facili da coltivare, specialmente con livelli di nitrati più elevati. Tagliare il muschio dell’acquario è piuttosto semplice, anche se potrebbe essere necessario rimuoverlo dal serbatoio per farlo. Quando sostituisci il muschio, ancoralo a legni o roccia per tenerlo in posizione.
  • Rizomi – Piante come la felce di Giava e le anubie sono facili da tagliare e propagare: devi semplicemente dividere il rizoma alla base della pianta e radicarle nella nuova posizione.
Leggi anche  Scegliere il giusto mangiatore di alghe dal tipo di alghe nel tuo serbatoio

Come propagare diverse piante d’acquario

Allo stesso modo in cui i diversi tipi di piante devono essere potati in determinati modi, esistono anche diversi metodi per la propagazione delle piante vive. Esistono due modi diversi con cui le piante vive si riproducono: riproduzione sessuale o riproduzione asessuata. La propagazione sessuale di solito coinvolge fiori e semi mentre la propagazione asessuata (o propagazione vegetativa) viene completata attraverso la produzione di corridori, offset e piantine. La maggior parte delle piante acquatiche utilizza metodi di propagazione asessuata: ecco una panoramica delle diverse opzioni:

  • Corridori – Un corridore cresce dalla base di una pianta madre e produce piccoli “scivoli” all’estremità. Questi slittamenti si ancorano al substrato e poi iniziano a far crescere una pianta completamente nuova, geneticamente identica alla pianta madre. Puoi lasciare che ciò accada in modo naturale o puoi separare il corridore dalla pianta una volta che si è ancorata e quindi trapiantarla.
  • Offset – Un offset è simile a un corridore, tranne per il fatto che di solito cresce fuori dalla pianta principale stessa, molto vicino ad essa. Puoi rimuovere l’offset e piantarlo da qualche altra parte per propagare la pianta.
  • Piantine – In questo metodo, piccole piantine crescono effettivamente sulla pianta madre: possono formarsi su qualsiasi parte della pianta come radici, nodi, foglie o steli. Una volta che la piantina ha avuto la possibilità di crescere un po’, potrebbe naturalmente staccarsi dalla pianta madre e puoi spostarla. Se non è successo quando la piantina raggiunge i 3 o 4 cm, puoi rimuoverla e ripiantarla.

Questi tre metodi di propagazione sono processi naturali, ma puoi anche propagare piante acquatiche artificialmente. Un’opzione è prendere una talea e piantarla nel substrato, così farà crescere le radici. Per fare ciò, prendi un taglio dallo stelo superiore appena sopra un nodo fogliare e quindi rimuovi le foglie appena attorno al nodo. Puoi anche propagare artificialmente alcune piante dividendo il rizoma: basta prendere un coltello affilato o una lama di rasoio e dividere il rizoma solido alla base della pianta in due o tre sezioni, quindi radicare ogni singola sezione dove vuoi. Un’altra opzione è la propagazione tramite semi, ma è molto più difficile da fare e di solito ne vale la pena solo se si prevede di coltivare un numero elevato di piante. Se vuoi arrivare a un acquario completamente piantumato, puoi farlo senza spendere una piccola fortuna. Inizia semplicemente con una piccola raccolta di piante e poi propaga una nuova crescita quando effettui la potatura mensile. Potrebbe volerci del tempo per piantare completamente il tuo acquario, ma ti sentirai bene sapendo di aver creato qualcosa di bello interamente da solo.

Leggi anche  I 5 migliori gamberetti per l'acquario d'acqua dolce

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popular

More from author

Spotlight sul Wolf Cichlid

Il Wolf Cichlid è una specie grande e aggressiva ma crea un'opzione perfetta per un serbatoio di show. Continua a leggere per saperne...

Gli hobbyists dell’acquario aiutano a risparmiare 30 specie dall’estinzione

Il commercio di animali domestici ottiene un brutto rap per sfruttare gli animali selvatici ma a volte il contrario è vero. Gli hobbisti...

I sorprendenti benefici per la salute di un acquario domestico

in tempi stressanti, avere un acquario domestico potrebbe essere un vantaggio. Continua a leggere per conoscere i primi 6 benefici per la salute...

Acquario Pesce News: Bill ha introdotto per limitare la raccolta di pesci dell’acquario

L'industria dell'acquario dell'acqua salata prende milioni di pesci da oceani in tutto il mondo ogni anno. È stata introdotta una nuova fattura per...