UTILIZZO DEL CARBONIO IN UN ACQUARIO D’ACQUA DOLCE

Scopri i diversi punti di vista e le linee guida sull’utilizzo del carbonio nel tuo acquario. Quando si tratta di filtrazione per acquari d’acqua dolce, ci sono molte opzioni tra cui scegliere. Uno dei metodi di filtrazione più popolari riguarda i media filtranti a carbone. L’uso del carbonio in un acquario d’acqua dolce è un argomento controverso. Alcune persone credono che sia una perdita di tempo e non usano mai il carbonio se non per occasioni speciali. Altri usano una grande quantità di carbonio e giurano sulla sua capacità di lucidare l’acqua e rimuovere gli odori. Questo articolo presenterà entrambi i lati della storia, così sarai ben informato quando deciderai se utilizzare o meno il carbonio nella tua configurazione.

Cos’è il carbonio?

Il carbone, o carbone attivo, viene utilizzato come mezzo di filtrazione chimica. Aiuta a rimuovere molti materiali organici e inorganici disciolti nell’acqua del serbatoio: mantiene l’acqua dell’acquario pulita e rimuove gli odori. Il carbone attivo funziona utilizzando l’assorbimento e l’adsorbimento. L’assorbimento è il processo mediante il quale gli inquinanti vengono intrappolati nei pori del carbonio (si può pensare a questo processo come a un filtro meccanico di dimensioni molecolari). L’adsorbimento avviene perché il carbonio ha un’ampia superficie (con tutti i pori) e, quindi, molti siti di legame chimico. L’adsorbimento è il processo mediante il quale gli inquinanti sono legati chimicamente a questi siti e intrappolati dal carbonio.

Rimozione del farmaco

Il “caso speciale” che ho menzionato sopra, in cui la maggior parte degli hobbisti concorda sul fatto che il carbonio sia utile, è nella rimozione dei farmaci dall’acqua del serbatoio. Il carbonio diluirà molti dei farmaci che le persone mettono nei loro serbatoi e ne ridurrà l’efficacia. Questo è il motivo per cui spesso ti viene chiesto di rimuovere il carbonio se stai trattando il tuo acquario. Tuttavia, una volta terminato il trattamento, il carbonio è molto efficace nel rimuovere le sostanze chimiche di cui i tuoi pesci non hanno più bisogno. Dopo che i tuoi pesci si sono ripresi, potresti aggiungere nuovi sacchetti di carbone attivo al tuo filtro solo per questo scopo.

Il punto di vista anti-carbonio

Le persone che giacciono in questo campo sottolineano spesso che l’uso del carbonio in un acquario ha avuto origine ai vecchi tempi dell’allevamento dei pesci. Allora, la gente pensava che “l’acqua vecchia” fosse migliore di “acqua nuova”, quindi i cambi d’acqua erano ridotti al minimo. Hanno quindi usato il carbone per eliminare il colore giallastro e l’odore dell’acqua più vecchia. I tempi, tuttavia, sono cambiati e ora sappiamo che frequenti cambi d’acqua sono essenziali per un acquario sano. Le persone ora fanno regolarmente cambi d’acqua dal 25% al ​​50% su base settimanale o bisettimanale. Le persone contrarie all’uso del carbonio dicono che questi cambi d’acqua hanno lo stesso scopo del carbonio: dicono che non c’è niente che il carbonio possa fare che un cambio d’acqua non possa fare altrettanto bene. Questo lato sottolinea anche che la maggior parte dei prodotti a base di carbonio contiene una certa quantità di fosfati. Un aumento dei livelli di fosfato può causare un’epidemia di alghe. Affermano che semplicemente non vogliono aggiungere qualcosa al loro acquario che promuova la crescita delle alghe.

Leggi anche  Le prime 6 specie di goby d'acqua dolce per il tuo serbatoio

Il punto di vista pro-carbonio

Le persone che giacciono in questo campo giurano sull’utilità del carbonio. Spesso eseguono cambi d’acqua regolari, ma sentono che il carbonio offre un certo effetto lucidante che chiarisce ulteriormente l’acqua. Sottolineano anche che gli odori possono ancora verificarsi anche con cambi d’acqua religiosi: il carbonio aiuta ad eliminare questi odori. Sottolineano anche che è molto efficace nel rimuovere qualsiasi macchia d’acqua che si verifica a causa della presenza di legni nel serbatoio. Queste persone tendono a pensare che gli hobbisti anti-carbonio soffrano di un senso di orgoglio nel non usare il carbonio e lo considerano una pratica pretenziosa.

Come utilizzare correttamente il carbonio in un acquario

Se decidi di utilizzare il carbone nel tuo acquario, ci sono diverse cose a cui devi pensare: Qualità del carbone Assicurati di acquistare carbone attivo di qualità. Il carbonio a buon mercato spesso contiene più fosfati, una grande quantità di ceneri e si disattiva (il che significa che smette di rimuovere i composti) molto rapidamente. La qualità del carbonio è tipicamente misurata dal contenuto di ceneri, dal numero di iodio e dal numero di melassa. È importante avere un materiale in carbonio con un’ampia superficie totale perché questo fornisce più siti di legame per catturare gli inquinanti. Tuttavia, se la superficie è troppo grande perché ci sono tonnellate di pori molto piccoli (carbonio microporoso), allora i pori non saranno abbastanza grandi da permettere agli inquinanti di entrarvi. Se, d’altra parte, la superficie totale è troppo piccola perché ci sono per lo più pori di grandi dimensioni (carbonio macroporoso), allora gli inquinanti potranno entrare in questi pori, ma non ci saranno molti siti di legame chimico. Pertanto, si desidera una buona miscela di pori grandi e piccoli. Il numero di iodio ti dà un’indicazione di quanto sia microporoso il carbonio. In genere si desidera un numero di iodio intorno a 1000. Il numero di melassa fornisce un’indicazione di quanto sia macroporoso il carbonio e un numero di melassa intorno a 225 dovrebbe funzionare bene. Vuoi che la concentrazione di cenere sia al minimo. Una parte significativa della cenere può essere rimossa immergendo il carbone prima di utilizzarlo. Questo aiuterà anche a lisciviare molti dei fosfati che potrebbero essere nel carbonio. Quantità di carbonio da utilizzare In genere si consiglia di utilizzare circa 2 tazze di carbonio per 55 galloni. Tuttavia, potrebbe essere necessario utilizzare meno o più di questa quantità a seconda del sistema di filtrazione e della qualità del carbone. Dovrai sostituire il tuo carbone ogni 3-4 settimane poiché verrà disattivato dopo questo periodo. Tuttavia, il tempo necessario per la disattivazione del carbonio dipenderà in gran parte dalla configurazione specifica. Se inizi a rilevare odori o vedi un leggero ingiallimento della tua acqua, è il momento di sostituire il carbone. Come aggiungere il carbone Il modo più semplice per aggiungere il carbone è nel filtro. Molti dei filtri più grandi hanno da due a quattro slot per posizionare i cuscinetti del filtro. Usa questi slot extra per una borsa o due di carbonio. Basta acquistare una borsa a rete nel tuo negozio di pesce (di solito circa $ 1- $ 5) e acquistare un contenitore di carbone attivo. Riempi il sacchetto con il carbone, risciacqualo per rimuovere la polvere e poi mettilo in una di queste fessure. Questo non solo è un modo efficace per aggiungere più carbonio, ma è anche più economico rispetto all’acquisto di nuovi cuscinetti filtranti ogni 3-4 settimane. I cuscinetti del filtro possono spesso durare molto più a lungo se vengono risciacquati quando accumulano troppi detriti. Usando questo metodo di carbone insaccato, puoi sostituire i cuscinetti del filtro quando si consumano effettivamente e sostituire semplicemente il carbone nel sacco a rete ogni 3-4 settimane (puoi riutilizzare il sacco a rete). Se non si dispone di uno slot extra per un sacchetto di carbone, è possibile acquistare un filtro extra piccolo ed estrarre semplicemente il tampone del filtro sostituendolo con un sacchetto di carbone. Assicurati di sciacquare sempre sia i cuscinetti del filtro che i sacchetti di carbone prima del loro utilizzo iniziale per rimuovere la polvere/cenere. In genere si desidera posizionare il sacchetto di carbone dietro un tampone filtrante (o un altro mezzo di filtrazione meccanico), se possibile. Ciò ridurrà notevolmente la quantità di sostanze inquinanti che raggiungono il tuo carbonio e gli consentirà di rimanere attivato più a lungo poiché i pori non si “riempono” così rapidamente. Suggerimenti/Precauzioni ? Se diversi pezzi di carbonio si staccano e finiscono nel tuo serbatoio, non preoccuparti. Se riesci a prendere i pezzi, puoi rimuoverli, ma non è essenziale. Non danneggeranno i tuoi pesci o il tuo acquario. ? Fai attenzione quando usi il carbonio in vasche molto piantumate poiché il carbonio può rimuovere alcuni degli oligoelementi necessari per la crescita delle piante. Le persone con serbatoi molto piantumati tendono a limitare il loro uso di carbonio. ? Non utilizzare carbone a base di cocco. Questo tipo di carbonio è entrato di moda negli anni ’80 e ’90, ma si è rivelato una scelta sbagliata per l’uso in acquario perché è un carbonio molto microporoso.

Leggi anche  COLTIVARE UN SERBATOIO DI COMMUNITY DISCUS SANO

Conclusione

È una tua decisione personale se utilizzare o meno il carbonio. Le persone che giurano sulla sua efficacia sono numerose quanto quelle che dicono che non è necessario. Analizza il tuo acquario personale e decidi tu stesso. Se scegli di utilizzare il carbonio, segui i punti sopra per implementarlo con successo nella tua configurazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popular

More from author

Spotlight sul Wolf Cichlid

Il Wolf Cichlid è una specie grande e aggressiva ma crea un'opzione perfetta per un serbatoio di show. Continua a leggere per saperne...

Gli hobbyists dell’acquario aiutano a risparmiare 30 specie dall’estinzione

Il commercio di animali domestici ottiene un brutto rap per sfruttare gli animali selvatici ma a volte il contrario è vero. Gli hobbisti...

I sorprendenti benefici per la salute di un acquario domestico

in tempi stressanti, avere un acquario domestico potrebbe essere un vantaggio. Continua a leggere per conoscere i primi 6 benefici per la salute...

Acquario Pesce News: Bill ha introdotto per limitare la raccolta di pesci dell’acquario

L'industria dell'acquario dell'acqua salata prende milioni di pesci da oceani in tutto il mondo ogni anno. È stata introdotta una nuova fattura per...